banner-eventi


28

È stato bellissimo andare al Colosseo, dal Papa, al Bioparco…Era il nostro sogno andarci! Ci voleva proprio qualcuno che prendesse sul serio il desiderio di tutti. (Chicca)

Ci si aiuta nel cammino; è uno spettacolo che stupisce come un tramonto su Roma, vedere ragazzi che si aiutano e si fanno compagnia. (Chicca)
attività vacanze/eventi Il libro prigioniero: il ritorno dei due bambini
Il libro prigioniero: il ritorno dei due bambini

IMG-20210319-WA0010

..ed ecco la storia prodotta dai bambini e gli educatori del Punto Ovest...buona lettura!!

Il libro prigioniero: il ritorno dei due bambini.

Una mattina di una calda estate, una bambina di nome Sara, mentre sta facendo una camminata nel bosco, è attirata da un enorme albero. Arrivata sotto l’ombra dell’albero, vede un libro, lo apre e incomincia a leggere: “c’era una volta...” (Sara)

Cerca poi di aprire le pagine seguenti ma sono bloccate. Ci prova in tutti i modi senza riuscirci, fino a quando vede una piccola chiave all’interno della copertina del libro, la prende, la inserisce in una piccola fessura e finalmente il magico libro si apre (Jessica).

Appena aperte le pagine, Sara sente delle urla e subito dopo spunta fuori dal libro una mano infuocata. E’ la mano di una persona che continua ad urlare: “Aiutatemi! Sono imprigionato dalle fiamme! Mi chiamo Gerry! Aiutatemiii!!” (Cristian)

Ad un certo punto la mano di fuoco afferra Sara e come per magia è lei che si trova all’interno del libro mentre Gerry è tornato nel mondo reale.

Sara si trova così circondata dalle fiamme (Isabel) e l’unica cosa che in quel momento attira la sua attenzione è una bacchetta, che ha delle parole magiche scritte sul manico. “Che sortilegio sarà?”-pensa Sara- Non lo so…!! ma intanto prende coraggio e ripete le parole “Abra Cadabra Zim Zum Zam” Appare così improvvisamente un bastone magico. Lo agita e compare una scala altissima mentre il bastone sparisce. (Daniele)

Sara sale in cima a questa scala. Improvvisamente la pagina del libro si gira e appare un paesaggio innevato bellissimo. Dopo circa un’ora di cammino vede un altro bambino e gli chiede: “Come ti chiami?” Lui risponde: “Pietrino”.

Poco tempo dopo Sara scopre che anche Pietrino è intrappolato nel mondo magico del libro ed è da anni che cerca di uscire e tornare nel mondo reale ma senza mai riuscirci. L’unica cosa che ha trovato è uno strano orologio, ma Pietrino non capisce bene come funziona e chiede aiuto alla sua nuova amica Sara. Dopo numerosi tentativi, capiscono insieme di cosa si tratta : “E’ un orologio che porta avanti nel tempo!” urlano assieme guardandosi. Decidono così di provarlo e vedere se è la chiave per uscire da quel mondo così magico e strano.

Lo fanno e si trovano nello stesso posto, solo che sono diventati adulti e vedono davanti a loro uno strano oggetto che manda un suono come “driiiiin driiiiin driiiin” (Malak) Riescono in qualche modo a rispondere e sentono la voce di Gerry che continua a ripetere: “dovete trovare una valigia, trovata quella riuscirete a tornare nel mondo reale!” (Claudia). Preoccupati per la situazione, ma anche felici per aver avuto questa notizia, Sara e Pietrino decidono di collaborare ancora di più e aiutarsi a vicenda nel trovare la valigia.

Dopo ore di ricerca, stanchi e affamati si addormentano. Un suono però li sveglia in piena notte e con la torcia che Pietrino aveva nel suo zainetto incominciano a seguire questo suono così bello e intenso. (Gerrard) Arrivati vedono una fatina: era lei che cantava. Subito provano a chiedere: “Hai visto per caso una strana valigia? La stiamo cercando!”

La fatina non risponde ma incomincia a cantare in un tono basso e quasi fastidioso per loro. In quel momento vedono in fondo al bosco qualcosa che luccica di un oro intenso che si muove verso di loro..man mano che si avvicina la riconoscono.. “E’ la chiave della valigia!” urlano insieme. (Azzo/Ale)

Quando la toccano la chiave sembra diventare viva, e segna una strada di luce nella notte trascinandoli in un lungo cammino. (Evan)

Quando ormai si avvicinano le prime luci dell’alba, Sara e Pietrino vedono finalmente qualcosa in lontananza: in fondo alla strada c’è una casa molto grande e bella e il cancello è aperto. Entrano un po' impauriti ma sentono che la valigia è vicina. Ad un certo punto la vedono, con un bagliore che la avvolge tutto attorno. Si tengono per mano e decidono di aprire finalmente la valigia: in un attimo si trovano per magia nel mondo reale e capiscono che la valigia conteneva i loro desideri più grandi che in quel momento erano di andare via da quel mondo così strano e magico. (Jessica).

Al loro fianco c’è Gerry che finalmente capisce che l’unico modo giusto per uscire da quel mondo era aiutarsi e collaborare ed è per questo che lui da solo non c’è l’aveva mai fatta.

Gerry, Sara e Pietrino diventano così ottimi amici e per molto tempo non dimenticheranno questa storia e quello che gli ha lasciato : “ Da soli siamo più deboli ma insieme siamo inarrestabili”.

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori dettagli visualizza privacy policy.

Accetta l'uso dei cookies per questo sito .

ssss